Il prontuario del doping? In “Sono il ciclista segreto

Ieri ho letto su La Gazzetta dello Sport alcune anticipazioni dal libro Sono il ciclista segreto; inutile che googliate il titolo, è in vendita solo in Francia (per il momento) come “Je suis le Cyclyste masqué”. Stando all’articolo di Alessandro Grandesso, lì dentro c’è il vero prontuario del doping nel ciclismo, e quando l’ho letto sono rimasto lì, un misto tra basito e affascinato.

Cosa racconterebbe questo libro? *

*che devo assolutamente comprare appena uscirà tradotto nel nostro Paese

Integratori

alimentari, si assumono per bocca e sono molto più “puliti” delle iniezioni – a quanto pare, ormai per molti anacronistiche.

Al Tour de France ne prendi fino a 70 al giorno. E non è doping!

Snus

Il tabacco da masticare che arriva dal Mare del Nord, fuorilegge perché carcinogeno (può provocare 23 tipi diversi di tumore), è gettonatissimo tra gli sprinter

Lo prendono prima della volata

Tramadolo

Non è doping, ricordate? Però..

Pedali per ore senza sentire nulla dall’anca in giù: ecco perché ci sono un sacco di cadute!

Scommesse

La cosa più frustrante, almeno per me, perché

Si falsano le gare per soldi: una Classica costa fino a 100mila euro, le volate si comprano e si vendono prima tra corridori e poi nelle ammiraglie

A quanto pare, il libro raccoglie confessioni di un ciclista di vertice ma che ha scelto di restare anonimo perché ancora in attività. Voi credete a quello che si dice in queste (per me sconvolgenti) anticipazioni?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.