pista ciclabile

Si può andare in bicicletta in zona gialla? Dal 26 aprile 2021 ecco cosa dice il “Decreto Riaperture”

Da lunedì 26 aprile 2021 con l’entrata in vigore del cosiddetto “Decreto Riaperture” – e il contestuale passaggio di diverse regioni in zona gialla * – andare in bicicletta è diventato ancora più semplice per i ciclisti e i cicloamatori.

Se già con i decreti precedenti era prevista la possibilità di praticare il ciclismo anche in zona rossa o arancione, a patto che l’attività avesse inizio e fine coincidenti con la propria abitazione, con la zona gialla viene meno anche questo limite. Diventa quindi possibile:

  • partire da casa e fare tappa (o arrivare) da qualche altra parte
  • caricare la bicicletta sulla macchina, avvicinarsi al luogo in cui si vuole fare una pedalata, sbarcare la bicicletta e godersi la passeggiata / allenamento

Restano comunque confermate le indicazioni di comportamento per i ciclisti in pandemia che sono state introdotte già da qualche mese, ossia:

  • è possibile pedalare senza indossare la mascherina
  • la distanza minima tra le persone deve essere di 2 metri (quindi tecnicamente mettersi in scia potrebbe non essere consentito e/o essere sanzionato)
  • è necessario rispettare il coprifuoco dalle ore 22 alle 5 del mattino

Per quanto riguarda le gare di ciclismo, sono consentite solo quelle ritenute “di preminente interesse nazionale”: l’elenco – in continuo aggiornamento – è disponibile sul sito della FCI.

Quindi, ricapitolando:

con il Decreto Riaperture in vigore dal 26 aprile 2021 si può andare in bicicletta, fermo restando il rispetto degli orari del coprifuoco (22-5); è possibile non indossare la mascherina, ma bisogna rispettare le distanze di sicurezza.

In zona gialla si può andare dappertutto o anche portare la bici in macchina per partire da dove si arriva, nelle zone arancioni e rosse è consentito coprire dei percorsi che abbiano come tappa di partenza e arrivo esclusivamente la propria abitazione.

Ma anche questo è un modo per scoprire percorsi vicini e magari a lungo sottovalutati, che però hanno del potenziale.

* elenco delle regioni in zona gialla dal 26 aprile 2021 fino a nuova disposizione (del Ministero della Salute): Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto e alle province autonome di Bolzano e di Trento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.